Involtini di verza con quinoa e lenticchie al profumo di Limone

Spesso sottovalutata la verza ha ottime proprietà analgesiche, antinfiammatorie, decongestionanti e antisettiche topiche. Durante la cottura, a causa del suo alto contenuto di zolfo, rilascia un odore per molti sgradevole. Per evitare che si formi tale odore è necessario aggiungere all’acqua di cottura aceto oppure limone.
Questa ricetta abbina le proprietà della verza a quelle della quinoa, pseudocereale senza glutine e ricco di antiossidanti.
Attenzione, ricordate sempre di lavare bene la quinoa prima di utilizzarla perchè contiene saponine che sono tossiche per il nostro organismo.
Una ricetta sfiziosa e veloce..Rimarrete piacevolmente sorpresi dall’abbinamento del limone con lenticchie e quinoa. Lo stesso ripieno può essere utilizzato per fare delle polpettine.

Ingredienti:
  • 8 foglie grandi di verza
  • 60 gr quinoa
  • 100 gr lenticchie piccole
  • 60 gr olive nere snocciolate di qualità, tritate
  • mezza cipolla bianca
  • 2 spicchi d'aglio
  • scorza grattugiata di mezzo limone non trattato
  • 1 cucchiaio prezzemolo tritato
  • 1 foglia di alloro
  • pepe
  • pan grattato integrale q.b.
Durata (60 min):
Info Nutrizionali:
Tipo Quantità
Calorie 400 circa
Carboidrati 65
Proteine 30
Grassi 3
Come prima cosa laviamo sotto acqua corrente le lenticchie, mettiamole in un pentolino e copriamole con acqua di 2 cm superiore al loro livello. Aggiungiamo uno spicchio d’aglio sbucciato e la foglia d’alloro, poniamo su fuoco basso e dal momento dell’ebollizione cuociamo coperte per 30-35 minuti, o comunque finché non sono tenere. Saliamo solo 10 minuti prima di spegnerle. A cottura ultimata l’acqua dovrebbe essere stata tutta assorbita, se così non fosse scoliamole, eliminiamo l’aglio e l’alloro.
Intanto laviamo sotto l’acqua fredda anche la quinoa e mettiamola in un pentolino con il doppio del suo volume di acqua e un pizzico di sale. Mettiamo su fuoco basso, copriamo col coperchio e cuociamo fino ad assorbimento totale (circa 15-20 minuti). Sgraniamola con una forchetta.
Tritiamo finemente la mezza cipolla e mettiamola in una piccola padella con un cucchiaio di olio, facciamola soffriggere dolcemente mescolandola spesso, quando si è ammorbidita aggiungiamovi anche uno spicchio d’aglio sbucciato e tritato. Continuiamo a cuocere a fuoco medio per 2-3 minuti.
In una ciotola versiamo la cipolla rosolata, le lenticchie e la quinoa ormai tiepide, mescoliamo e aggiungiamovi le olive. Mescoliamo, uniamo la buccia di limone, il prezzemolo, 2 cucchiai di pan grattato e una spolverata di pepe. Rimestiamo, assaggiamo e aggiustiamo di nostro gusto.
Mentre il ripieno riposa e i sapori si amalgamano, eliminiamo la parte finale della costa centrale alle foglie di verza e tuffiamole in acqua bollente per 2-3 minuti. Scoliamole e versiamole in una ciotola piena di acqua fredda.
Prepariamo gli involtini: tamponiamo tutte le foglie di verza con uno strofinaccio pulito, mettiamole su una superficie piana e posizioniamo al centro di ognuna 1-2 cucchiai di ripieno, appiattendolo leggermente col palmo della mano. Chiudiamo prima i lati della foglia e poi cominciamo ad arrotolare partendo dal gambo, fino a formare un pacchettino che, nel caso, possiamo sigillare con 1-2 stuzzicadenti. Poniamo su di una teglia antiaderente e  inforniamo a 220° per 20 minuti circa. Serviamoli caldi.

Come si svolgono le visite?

Tutto quello che devi sapere prima di prenotare una visita.

Nutrizionista o Dietista?

Vediamo insieme quali sono le differenze tra biologo nutrizionista, dietista e specialista in scienze dell'alimentazione.