Alimentazione in gravidanza


Ho spesso raccontato il fatto che quando ho scelto di iscrivermi a Biologia, mi sono detta: “Mai e poi mai farò la nutrizionista”.

Convinta che questo lavoro significasse fare diete più o meno prestampate lavorando semplicemente sul valore nutrizionale degli alimenti, senza parlare di gusto, piacere, emozioni. Tutte cose che con una dieta non c’entravano nulla.

Se vuoi dimagrire o star bene devi fare sacrifici!
Poi, invece, la vita ti porta ad aprire le vedute e a scegliere di fare questo lavoro con la consapevolezza di quanto il gusto guidi le nostre scelte alimentari.

Quando parlo di gusto mi viene sempre in mente questa frase:
Portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di madeleine. Ma nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario
(Marcel Proust)
Il piacere del gusto d’altronde è qualcosa di straordinario, se solo ci facciamo caso.
A volte, capita di mangiare di fretta o distrattamente, anche cose particolarmente buone per noi, e non ci facciamo caso tuttavia ogni volta che riportiamo la mente al momento presente assaporando il cibo che portiamo alla bocca, qualcosa di straordinario avviene in noi.
La cosa più straordinaria, per me, è il fatto che, seppur i meccanismi biologici siano uguali in tutte le persone, il gusto, inteso come piacere, non lo è.
Alcune persone preferiscono il gusto dolce, altre aspro, altre amaro, altre humami, altre salato.
E queste preferenze di gusto.. quando nascono e da cosa dipendono?
Recenti scoperte suggeriscono che le preferenze alimentari inizino nell’utero1.
In realtà noi iniziamo a mangiare ben prima di quanto possiamo ricordare.
Il nostro primo pasto?
Il liquido amniotico!
E il gusto del liquido amniotico cambia in funzione della dieta della madre. In effetti, recenti scoperte suggeriscono che le preferenze alimentari iniziano nell’utero.
Infatti, i recettori del gusto si sviluppano già a 7/8 settimane e saranno completamente maturi a 17 settimane di gestazione2.
Tra la 22a e la 25a settimana di gestazione i segnali del gusto vengono trasmessi al sistema nervoso centrale e il feto reagisce ai diversi gusti.

I primi mesi di vita intrauterina sono, quindi, una parte essenziale del processo di apprendimento del sapore negli esseri umani e la prima esperienza con i diversi gusti è molto importante per la successiva accettazione degli alimenti, in particolare di quelli sani.

Da questo capiamo quanto sia importante seguire una corretta alimentazione in gravidanza, non solo per mantenere un peso adeguato ma anche per aiutare il nostro bimbo ad assaporare diversi gusti e preparare le basi per uno svezzamento quanto più possibile sereno.
Queste basi possono essere poi consolidate durante il periodo dello svezzamento3.
E da adulti?
A volte capita che la vita frenetica ci porti a consumare sempre gli stessi cibi, per facilità e (presunta) velocità di preparazione, oppure alimenti preconfezionati che possono alterare la nostra percezione del gusto. Tuttavia, pian piano è possibile riabituare il nostro palato a gusti più semplici attraverso piani alimentari mirati.

 

Bibliografia:

1. You Are What You (First) Eat
Kelly L Buchanan, Diego V Bohórquez 
2. Innervation of developing human taste buds. An immunohistochemical study
M. Witt & Klaus Reutter
3. Early Taste Experiences and Later Food Choices
Valentina De Cosmi, Silvia Scaglioni, and Carlo Agostoni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *